Consulenza ed attività di formazione per il conseguimento della certificazione Ambientale – Iso 14000

Il Sistema di Gestione Ambientale (SGA) è un prezioso strumento di analisi e di controllo delle prestazioni ecologiche effettuate sulla base delle norme ISO 14001.

I notevoli ritorni in termini di riduzione dei costi, risk management, salvaguardia del patrimonio aziendale, fanno si che un numero sempre maggiore di aziende si orienti verso l’ attivazione di tale Sistema.

La certificazione Ambientale ISO 14000 rappresenta per le imprese:

  • un’opportunità di mercato, perchè il mercato si tinge sempre più di “verde”: quella che oggi è un’opportunità, probabilmente domani sarà un vincolo;
  • un ritorno di immagine, in quanto una buona gestione ambientale  contribuisce a consolidare e/o migliorare l’immagine di ogni impresa ottimizzando le relazioni con tutte le parti interessate.

I sistemi di gestione ambientale sono attuati attraverso due standard normativi:

  • il Regolamento CEE 761/2001 (EMAS II)
  • le Norme ISO della serie 14000

La certificazione ambientale è uno strumento volontario di autocontrollo e responsabilizzazione adottabile da organizzazioni che intendano perseguire un miglioramento continuo delle proprie performance ambientali.

Il soggetto che avvia il processo di certificazione si impegna non solo ad osservare le disposizioni di legge in materia ma anche a migliorare le proprie prestazioni e la trasparenza verso l’esterno, aumentando l’efficienza interna.

La certificazione ambientale prevede infatti una riorganizzazione di un’azienda o ente secondo sistemi di gestione ambientale (SGA), la conseguente certificazione da parte di un soggetto terzo e successive verifiche periodiche.

Un SGA rappresenta un approccio strutturato per definire obiettivi e strategie per l’ambiente, raggiungere tali obiettivi e dimostrare che sono stati raggiunti.

Si basa su standard normativi di riferimento e riguarda “la parte di sistema gestionale che comprende la struttura organizzativa, le attività, le procedure, le responsabilità, i processi e le risorse necessari per sviluppare, implementare, raggiungere, rivedere e mantenere la politica ambientale”. L’organizzazione ottiene così non solo l’ottimizzazione del proprio sistema produttivo e la riduzione di diseconomie, ma anche un miglioramento della propria immagine all’esterno.

La norma più diffusa a livello internazionale è lo standard ISO 14001, mentre a livello europeo vige anche il regolamento EMAS.

Negli ultimi anni ISO 14001 ed EMAS sono sempre più utilizzati, non solo da aziende private ma anche da enti locali per attuare una gestione più corretta e trasparente delle risorse naturali e ambientali presenti nel territorio e per qualificare la serietà del proprio impegno nel momento in cui si chiamano i cittadini a partecipare ai forum di Agenda 21.

ISO 14001

La certificazione dei sistemi di gestione ambientale attesta la conformità di un’azienda o di un ente alla norma internazionale UNI EN ISO 14001, adottata nel settembre 1996 dall’International Organization for Standardization, organizzazione non governativa con sede in Svizzera, a Ginevra, costituita dagli enti normatori di circa 130 paesi.

Tale norma consente a qualunque organizzazione di raggiungere concretamente e dimostrare un buon livello di comportamento, mediante il controllo degli impatti ambientali connessi alle proprie attività, prodotti e servizi.

La norma ISO 14001 non specifica livelli di performance ambientale, permettendo in questo modo di essere implementata da una grande varietà di organizzazioni, indipendentemente dal loro livello iniziale di “maturità ambientale”. D’altra parte ha come pre-requisito il rispetto delle leggi esistenti in materia ambientale e richiede di partire da un’analisi degli impatti ambientali e di sviluppare progetti specifici di miglioramento.

L’organizzazione che intenda perseguire la certificazione ISO 14001 deve:

  • definire la politica ambientale e diffonderla al personale
  • pianificare per individuare gli aspetti ambientali delle attività dell’impresa che necessitano di monitoraggio
  • attuare il sistema di gestione ambientale (ruoli, responsabilità e autorità)
  • introdurre procedure di controllo
  • riesaminare di continuo il sistema di gestione ambientale implementato

EMAS

L’EcoManagement and Audit Scheme (EMAS), il sistema comunitario di ecogestione ed audit, è stato istituito nel 1993 dalla Comunità Europea con regolamento. Inizialmente concepito per i soli siti industriali, nel 2001, con il il Regolamento CE n’ 761 è stato esteso a tutte le realtà economiche e non.

EMAS ha l’obiettivo di favorire una razionalizzazione delle capacità gestionali dal punto di vista ambientale delle organizzazioni. Si basa non solo sul rispetto dei limiti imposti dalle leggi ma anche sul miglioramento continuo delle prestazioni ambientali, sulla creazione di un rapporto nuovo e di fiducia con le istituzioni e con il pubblico e sulla partecipazione attiva dei dipendenti. L’organizzazione che intende aderire al Regolamento EMAS è tenuta a:

  • effettuare l’analisi ambientale iniziale con la quale viene stabilita la posizione iniziale dell’organizzazione rispetto alle condizioni ambientali
  • stabilire la propria politica ambientale cioè gli obiettivi ed i principi generali di azione rispetto all’ambiente
  • elaborare il programma ambientale con le misure adottate per raggiungere gli obiettivi specifici ed i target
  • attuare il sistema di gestione ambientale per mettere in atto e mantenere la politica ambientale
  • effettuare l’auditing cioè svolgere una valutazione sistematica, periodica, documentata e obiettiva delle prestazioni dell’organizzazione
  • redigere la dichiarazione ambientale, rivolta al pubblico, che comprende la politica ambientale, la descrizione dell’SGA e delle prestazioni ambientali dell’organizzazione

Il Regolamento n. 761 ha introdotto l’integrazione nell’EMAS della norma ISO 14001 quale standard per l’SGA.

Principali differenze ISO 14001 – EMAS

ISO 14001 ed EMAS condividono l’obiettivo di indirizzare le organizzazioni al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali attraverso l’introduzione di un SGA. L’EMAS, discendendo da un regolamento europeo, si caratterizza per una dimensione più pubblica, anche in considerazione del fatto che la supervisione viene affidata ad un organismo statale, in Italia è il Comitato Ecolabel-Ecoaudit. Spesso l’ISO 14001 rappresenta una tappa preliminare per il perseguimento della più rigorosa registrazione EMAS.

EMAS ISO 14001

Strumento volontario, creato da Regolamento UE, con un sistema istituzionale di supervisione (Comitato Ecolabel-Ecoaudit) Sistema volontario e privatistico; non è creato da leggi, ma da accordi volontari in seno all’ISO tra i rappresentanti degli Enti di Normazione nazionale.

La registrazione viene effettuata da un terzo indipendente accreditato dal comitato Ecoaudit Ecolabel (le attività di istruttoria vengono svolte dall’ANPA, che svolge il compito di supporto tecnico, talvolta in collaborazione con il Sincert per le parti in comune con ISO 14001) La certificazione della qualità ambientale viene rilasciata da Enti terzi privati, accreditati dai vari organismi nazionali di accreditamento.

Valido in ambito Europeo (strumento europeo) Valido a livello mondiale (strumento internazionale)
Requisiti tecnici più dettagliati Requisiti più orientati al sistema di gestione ambientale
Gli interlocutori principali sono il pubblico e le istituzioni L’interlocutore principale è il mercato
Obbligo di dichiarazione ambientale
Le verifiche periodiche vengono svolte sia sull’SGA che sulle performance ambientali
Coinvolge i fornitori

La LS Consulting offre servizi di consulenza ed assistenza per l’ottenimento della Certificazione dei Sistemi di Gestione Ambientale in linea con normative cogenti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *